Nonostante tutto…Buon Primo Maggio 2020

La giornata del Primo Maggio, così come il 25 aprile e l’8 marzo, è stata privata del suo reale significato dalle istituzioni borghesi. Il Primo Maggio non nasce come generica ‘festa del lavoro’, ma come una giornata di lotta internazionale dei lavoratori per i propri diritti, con un chiaro significato anticapitalista e rivoluzionario, che oggi viene rimosso.

Il Primo Maggio è nato all’interno del movimento socialista e ha le sue origini nel 1889, quando la Seconda Internazionale Socialista decise di dedicare una giornata per rivendicare i diritti dei lavoratori. La scelta ricadde sul primo di maggio, per ricordare i martiri di Chicago. Nei primi di maggio del 1886 infatti a Chicago una manifestazione operaia fu repressa nel sangue dalla polizia: numerosi lavoratori furono uccisi e diversi militanti anarchici e socialisti furono impiccati.

A loro fu dedicato il Primo Maggio. Da allora i lavoratori hanno lottato e ottenuto molte conquiste, ma in tutto il mondo essi continuano ad essere sfruttati per permettere ad un pugno di grandi capitalisti di fare enormi profitti. Ogni anno i morti sul lavoro nel mondo sono centinaia di migliaia, più di mezzo milione solo in Cina.

I lavoratori sono trattati come carne da macello. Lo abbiamo visto in Italia con questa pandemia: per i profitti di Confindustria la produzione nel bergamasco e nel bresciano non è stata fermata e ci sono stati migliaia di morti.

Il capitalismo continua a produrre milioni di cadaveri ogni anno per sete di profitto. È un sistema che gronda sangue dalla testa ai piedi e che si basa sul sudore e sul sangue dei lavoratori, un sistema che distrugge l’ambiente e produce continue crisi economiche e guerre, un sistema che non è più sostenibile. Per questo occorre tornare alle origini storiche del Primo Maggio e unire i lavoratori di tutto il mondo contro questo sistema marcio che non ha più nulla da dare all’umanità e per liberare il genere umano dalla dittatura del profitto.

Occorre unire i lavoratori di tutto il mondo al di là dei confini, del colore della pelle e della religione. Perché i lavoratori del mondo intero non hanno Patria e hanno tutti gli stessi interessi, contrapposti a quelli dei padroni che ovunque li sfruttano. Viva il Primo Maggio socialista e internazionalista! Viva il socialismo! Buon Primo Maggio a tutti e a tutte!