Articoli con tag: m5s

Tante facce, stessa politica. Serve una reale alternativa!

  A poche settimane dal voto per le elezioni politiche del 4 marzo il sistema paese resta dominato da una profonda crisi economica e dalle sue ripercussioni politiche e sociali. La legislatura che si era appena conclusa si era aperta sotto il segno del rinnovamento

Alcune riflessioni sulla fase politica

Pubblichiamo questi sintetici punti di valutazione sulla situazione politica italiana a poche settimane dalla fine del 2017 in una situazione generale caratterizzata da grande incertezza e instabilità sul fronte politico ed economico.   1) A pochi mesi dal voto per le elezioni politiche la situazione

ELEZIONI Regionali in Sicilia, vince la destra e la mafia

«Una settimana  prima di essere ucciso, Fava gira armato, consapevole, forse, di essere un uomo morto. Sempre quella settimana, Enzo Biagi gli pone una domanda, la più semplice di tutte: “Cosa si deve fare per eliminare la mafia?”. Fava quasi divertito risponde come avrebbe fatto

M5S fine di un’illusione ?

Dopo appena 4 anni dal loro grande trionfo elettorale delle elezioni politiche del 2013 e dopo gli importanti successi ottenuti alle elezioni amministrative il M5S è stato messo alla prova e i nodi sono venuti al pettine.Il movimento si è dimostrato una forza del tutto

GENOVA Comunarie: la crisi nel M5S

Che a Genova il candidato sindaco dei 5 Stelle ‘doveva’ essere Pirondini, il musicista incoronato ieri da Grillo dopo la scomunica inflitta alla vincitrice delle ‘comunarie’, Marika Cassimatis, noi lo sapevamo da dicembre. E dunque non ci stupiamo. Ma in città l’impatto del golpe grillino

Elezioni l’inizio della fine per Renzi?

Se c’è un dato, oltre alla scarsa affluenza, che emerge da questa prima tornata di elezioni amministrative è la cocente sconfitta di liste, candidati ed esperienze legate al disegno riformatore del PD renziano. Con l’eccezione di Milano e di Cagliari, nelle maggiori città in cui

M5S Il momento della verità si avvicina

Per il M5S è venuto il momento di dimostrare se è realmente un partito antiestablishment capace di tracciare un’alternativa al governo delle ‘larghe intese sotto banco’ di Renzi, Alfano e Verdini o se invece l’avversario del PD alle prossime elezioni politiche sarà il centrodestra riunificato